UN ANNO DI SERVIZIO AL GIRASOLE

Scrivo quest’articolo a conclusione del mio percorso di Servizio Civile Regionale, durato un anno e svolto presso la comunità educativa il Girasole. In genere qui sono pubblicati eventi e riflessioni pedagogiche, proverò anch’io a inserire una mia riflessione su quest’anno, anche se il tutto avrà più il sapore di un ringraziamento.

Il mio periodo di servizio si è svolto da Maggio 2014 fino ad Aprile 2015. Un anno intenso, impegnativo (per via anche dell’università) e ricco di momenti, molti dei quali porto già nel cuore. Sono tante le cose che vorrei dire, solo che nella mente si confondono e si mescolano, e più che parole riaffiorano flash e immagini di momenti, discussioni e situazioni che mi hanno sentito partecipe, attento ascoltatore e infine anche divertito. Il girasole forse è questo: un luogo/tempo in cui non solo per i ragazzi che sono in comunità, ma anche per chi ci lavora o fa volontariato, è un mettere in gioco in ogni occasione le proprie emozioni, il proprio modo di fare e di essere, e per chi ci lavora è un metterlo a disposizione per chi è in un momento di stallo. Infatti i protagonisti sono i ragazzi, non c’è dubbio. E solo chi passa per la comunità capisce l’enorme bisogno di “essere-con-loro” che questi ragazzi, anche se inconsciamente, richiedono. Qui intendo come l’importante è si applicare tutte le nozioni psico-pedagogiche che aiutano davvero, ma quello che fa la differenza sostanziale, è il fatto di esserci, stare lì con loro e per loro, in maniera semplice. Questa secondo me è la cosa principale che più di tutte ha un impatto con i ragazzi. Come un padre o una madre, che accudiscono al loro figlio. Lo sguardo dei ragazzi, purtroppo ogni tanto sofferente, è tuttavia ben chiaro! Non a caso sono tanti i ragazzi che ritornano forse con una spinta nostalgica a salutare e rivedere il luogo dove per un po’ di tempo hanno vissuto, forse un po’ sofferto, ma si sono anche divertiti e hanno anche appreso. E aggiungo, dove almeno una volta, hanno messo in gioco anche le loro emozioni.

Questo è il mio ripago più grande, tanti volti, anche se in un solo anno, di ragazzi e educatori che mi hanno accolto come uno di loro fin dall’inizio. E alla fine, sempre per colpa di questo calderone di momenti che ho nella testa, ho pensato di raccogliere un “piccolo e breve dizionario” di alcune parole che ho sentito particolarmente mie e che in quest’anno mi hanno fatto strada (a volte nel vero senso della parola), mi hanno aiutato e per certi versi mi hanno davvero cambiato.

Dizionario basilare del Girasole:

ADOLESCENZA: è uno dei momenti più forti della vita. Per tanti motivi e per molte persone non sempre è un periodo facile da vivere. Infatti, qualcuno sopravvive all’adolescenza. Ma questa è la definizione più brutta che si può dare. Il senso è viverla appieno, con le cose belle e le cose brutte, e una volta pronti per l’età adulta tenere tutte quelle cose come in un libro nel comodino accanto, in modo da poterlo sfogliare in continuazione.

DISPENSA: sempre sottochiave. Li sembra nascondersi un bottino. In realtà c’è un mondo che non è fatto solo di parole, ma anche di cibo. E trovarlo sempre pronto, malgrado tutto quello che può accadere non è cosa da poco. (il fatto che quest’anno ci sia expo è un riferimento casuale).

EDUCATORE: persona che lavora in ambito pedagogico con altre persone, in genere minori. La realtà è che con un po’ d’impegno lo possiamo fare tutti. Io aggiungo che chi lo fa con cuore, allora è davvero un professionista del “condurre” e “portare fuori” il meglio che c’è in una persona. In questo caso l’”Educatore” ha anche dei nomi (in ordine alfabetico): FRANCESCA, DANIELE, DENNIS, GIOVANNI, RICCARDO, SANDRA, VASCO.

LIMITE: ci sono cose nella vita che possiamo fare. E cose che non possiamo fare. Più si cresce più queste cose dovrebbero diventare chiare. Ovvio che serve chi te le spieghi, o meglio serve chi te le mostri, e poi la scelta è sempre della persona. Basta ricordare però che quando una cosa non sembra andare bene, un passo indietro possiamo farlo o almeno ci si può tentare.

OPEL ZAFIRA: automobile 7 posti, a metano, utile per viaggi con un gruppo di persone. Riesce a raggiungere città come Verona, Bassano, Ferrara, Mantova, Mestre, Montebelluna. In casi estremi anche Trieste. In salita è consigliabile avere nervi saldi. In discesa va che è una meraviglia. All’interno in genere c’è musica, a volte cumoli di fumo di sigaretta.. e a volte ci sono storie che meritano di essere ascoltate.

SECONDO UFFICIO: luogo dove delle persone lavorano, e dove ci sono faldoni, computer e scrivanie. Secondo significa che ce ne sono due. Quello a cui penso io è un secondo ufficio dove ho visto persone tirare fuori tutta la propria umanità.

SPERANZA: è quella cosa che non si vede, ma c’è. E in genere è dietro l’angolo. Spesso non si vede perché gli altri ci insistono a dire che dopo un po’ che non si vede, allora significa che non esiste. Strano perché io ad esempio New York non l’ho mai vista, e quasi tutte le persone che conosco pure, ma ho come la sensazione esista sul serio, anche se ora non la posso toccare fisicamente. La speranza è quasi un dogma, per chi ci crede, esiste davvero, per chi non ci crede, è un peccato. Si noti che non ho detto che non esiste). È il compito più difficile, far capire agli altri che la speranza c’è, ma spesso non si vede. VOLONTARIO: sono persone che donano parte del loro tempo a servizio di qualcuno o di una causa. Farlo con i giovani e in particolare gli adolescenti diventa una vera “causa d’arte”. Quasi tutti gli educatori iniziano così.  Anche qui ci sono dei nomi propri: ANGELIN, FABIO, GLORIA, GIANLUCA, GIUSEPPE, MALIK, MELANIA, VERONICA.

VITA: è fatta di scelte. Ma anche di opportunità. Anni fa ho scelto di scoprire cosa era la comunità educativa il Girasole. Poi mi è stata data l’opportunità di viverla. Sono in forte debito con tutti. Un petalo del Girasole dicono porti il mio nome. Io dico che in realtà una parte del mio cuore porta il nome “Il Girasole” e tutti i nomi delle splendide persone che ho incontrato in questo anno.

Filippo R.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti