PRESENTE ADOLESCENTE


Con l\’intervento del Prof.Stefano Quaglia Dirigente dell\’Uficio Scolastico per la provincia di Verona si è chiuso il ciclo di incontri \”Presente Adolescente\” svoltosi presso l\’Istituto \”Giuseppe Medici\” di Porto Legnago. Gli incontri serali hanno avuto un positivo riscontro da parte di un numeroso ed affezionato pubblico di docenti e genitori. La finalità degli incontri,difatti,era di dare un momento di riflessione,di ascolto partecipato,trattando temi legati all\’adolescenza,a coloro i quali quotidianamente si confrontano con l\’attuale generazione di giovani. Il tema attorno al quale dal loro angolo di studio sono scaturite le prolusioni dei tre relatori è stato \”Presente Adolescente\”, la dimensione temporale in cui i giovani in età di formazione identitaria sembrano totalmente immersi. Lo psicoanalista Tito Baldini ha cercato di spiegare in modo semplice la complessità del dispositivo interiore,di come la consapevolezza dei propri comportamenti dipende in gran parte dalla capacità di rappresentazione e di mentalizzare la realtà. Il professor Riccardo Grassi partendo da una fotografia sociologica dell\’impatto sempre più pervasivo della Rete e dei social media nel presente attuale, non demonizzando tali dispositivi di comunicazione ma indicandone la novità che spiazza e tutti i modelli di trasmissione del sapere del passato  individuando nella consapevolezza dell\’uso la loro efficacia strumentale. Sostenendo che questi grandi veicolatori di contenuti disparati e plurimi,lettori di realtà,abbisognano di interpretazione,ed ogni interpretazione della realtà abbisogna di un confronto reale continuo. Il dirigente per la provincia di Verona, partendo proprio dall\’analisi storica di come è cambiata  profondamente la società nel giro di pochi calendari,ha sottolineato le istanze a cui deve rispondere la scuola e di come venga sollecitata da più parti di essere adeguata a tempi che mutano sempre più in maniera vorticosa. Di come la frammentazione dei saperi,il dominio dei media,la funzione economica del sapere,il relativismo etico e la liquefazione delle strutture socio-politiche tradizionali coinvolgono la scuola ad una sfida di ripensamento profondo di agenzia sociale di trasmissione del sapere,non dimenticando che la funzione primaria della scuola è di insegnamento alla convivenza sociale e del rispetto verso l\’altro. E proprio dal rispetto  dei ruoli,docenti e famiglia devono saldare un patto di fiducia reciproca per la crescita non solo sapienziale ma sopratutto umana degli studenti. Anche per questo Gruppo Prevenzione Ser.D di Legnago e l\’Associazione Iride promuovono incontri pubblici nelle scuole del territorio,affinchè questi luoghi di vita,di relazioni dei nostri giovani diventino per gli adulti spazio di riflessione,dove la comunità attraverso il dialogo,l\’ascolto si confronti su idee,visioni che introducano elementi di conoscenza e consapevolezza utili ad ognuno per interpretare ed affrontare la realtà quotidiana.






karma/jova

0 visualizzazioni0 commenti