CINEMA SALUS 30/09/2011


Davanti ad un vasto pubblico di studenti che ha riempito la sala del cinema Salus di Legnago,nella mattinata del 30 Settembre c\’è stata la proiezione del documentario \”NON CI STO DENTRO\”. Organizzato dalla nostra Associazione in collaborazione con il SER.D della ULSS 21 e con il contributo dell\’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Legnago ha visto la partecipazione di studenti provenienti da tutti gli Istituti Superiori presenti nel nostro territorio(\”Minghetti\”,\”Medici\”,\”Enaip\”,\”Cotta\”). Il documentario di Antonio Bocola girato ed ambientato all\’interno del carcere minorile \”Beccaria\” ed in alcune comunità dell\’hinterland milanese affronta storie di giovani che scontano le conseguenze (le pene) dei loro sbagli e ne segue il conseguente faticoso percorso di riabilitazione e di emancipazione dallo stato di difficoltà personale che li ha portati a commettere reati. L\’evento pensato per un pubblico di giovani si proponeva di mostrare una realtà apparentemente distante e remota da una \”gioventù normale, quale può essere quella carceraria ma è la diretta conseguenza di comportamenti devianti assai diffusi. Far riflettere il pubblico sul senso del rispetto delle regole, fondamento della convivenza civile, era l\’intento principale che ci ha spinto nell\’ideare l\’evento di venerdì scorso. L\’idea della proiezione pubblica è scaturita dal Giudice Moyersoen, che ad una nostra richiesta di materiale video inerente le problematiche del mondo giovanile da far vedere ai nostri ragazzi in comunità, ci ha risposto e ci ha suggerito l\’idea di un evento allargato agli studenti del nostro territorio, dando la sua disponibilità a presenziare assieme al regista Antonio Bocola. Soddisfatti del tutto esaurito in sala, gran merito va ascritto al SER.D ed alla pragmatica collaborazione di Giovanna Zanchi e Roberta Tarocco, che già abituate ad organizzare questo tipi di eventi si sono mobilitate per tempo a contattare docenti e dirigenti scolastici. La proiezione è andata ugualmente bene,silenzio in sala sintomo di un pubblico attento al documentario. L\’incontro/dibattito con gli oratori presenti, il Giudice Moyersoen, il regista Bocola, il nostro responsabile Pavan, il Dottor Bossi del SER.D e Daniela Zanferrari dell\’USMM di Venezia è stato un po\’ lungo e forse non si è dato modo di coinvolgere di più il pubblico presente che verso la fine dimostrava una certa stanchezza nell\’attenzione.Questa reazione ci servirà per manifestazioni future, bisogna saper cogliere i segnali che il pubblico fornisce e bisogna essere in grado di mantenere viva la tensione. A fine proiezione siamo stati avvicinati dai docenti che chiedevano integrazioni e spiegazioni a ciò che avevano visto in modo tale da essere preparati alle domande degli studenti nelle lezioni che avrebbero riaffrontato ciò che avevano visto nel documentario. Insomma una grossa richiesta di materiale,informazioni riguardanti l\’educazione alla legalità, una conoscenza che si rivela sempre più indispensabile e formativa non solo per i ragazzi ma anche per gli adulti della nostra società.

Karma/Jova

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti